Antifumo:proposta di legge!

e21e30475d91604f8603735a30f957e7.jpg

PREMESSA:
Sono fumatore e fumo circa un pacchetto di sigarette al giorno. Sono sicuro di istigare alla violenza tutti gli altri fumatori contro la mia persona :D, ma vorrei proporre una modalità con la quale lo Stato può impedirci di fumare (attenzione non ho detto vietare per non cadere nel discorso su se sia dittatoriale o meno) portandoci alla fine a smettere.
Sappiamo tutti che lo Stato si preoccupa della nostra salute non perchè ci vuole bene ma perchè se ci ammaliamo non lavoriamo e se non lavoriamo non produciamo. Se moriamo, per lo stato è peggio, perchè avrebbe persone in meno che pagano le pensioni agli attuali pensionati. Se il defunto era già un pensionato, in questo caso per lo Stato è meglio, una pensione in meno da versare! Quindi lo Stato da una parte necessita che il suo popolo non si ammali ma dall’altra è ben contento di incassare denaro dal popolo che compra le sigarette. Se lo stato mi impedisse di fumare io sarei contento, non la vedrei come una forma di proibizionismo o di dittatura, perchè andrei a salvaguardare la mia salute e la mia vita.

Detto questo passiamo alla proposta di legge che avevo immaginato:
Il cittadino che intende fumare deve pagare una tassa di 123€ l’anno (pari a 30 pacchetti di sigarette, ovvero ad un mese di fumo circa). Pagando la tassa riceverà una scheda a banda magnetica/chip ricaricabile e nominativa: <<Nome – Cognome – cat. FUMATORE>> (come verrebbe identificato un tossicodipendente che ha bisogno del metadone) su questa tessera il fumatore può fare ESCLUSIVAMENTE UNA ricarica al mese dell’importo fissato dallo Stato pari a due stecche di sigarette o a 20 pacchetti. In questa maniera il fumatore è costretto a fumarsi 20 pacchetti anzichè 30 al mese (io personalmente fumerei già 200 sigarette di meno al mese). Il fumatore tossico che ha bisogno di più di 20 pacchetti/mese, pagando una sovratassa di 25 euro, ha la possibilità di ricaricare per la seconda volta nello stesso mese la sua scheda e quindi di poter usufruire di altri 20 pacchetti di sigarette (naturalmente ai 25€ vanno sommati quelli della ricarica pari alle 2 stecche). I fumatori invece che fumano meno di 20 pacchetti al mese possono usufruire del credito residuo sulla prepagata per i mesi successivi. Resterebbe il problema dei distributori, ma in giro ho visto dei nuovi che hanno una fessurina con il disegno del codice fiscale… potrebbero inventare quelli che leggono le schede ricaricabili!

Quindi riepilogando il tutto avremmo:
– 125 euro annue (tassa sul fumo)
– ogni mese se vogliamo fumare dobbiamo ricaricare la scheda dell’importo fissato dallo stato pari a 2 stecche
– se in un mese abbiamo necessità di fumare più di 20 pacchetti, dobbiamo pagare una sovratassa di 25€ ed effettuare una seconda ricarica
– se fumiamo poco possiamo utilizzare il credito sulla scheda per comprare pacchetti per i successivi mesi

Non so se per voi la proposta sembra fantascientifica. Per me potrebbe essere un valido deterrente per tutti noi fumatori. Con un po di impegno e volontà si potrebbe realizzare qualcosa di simile no?!

 

Antifumo:proposta di legge!ultima modifica: 2007-07-16T15:10:00+02:00da snipho
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Antifumo:proposta di legge!

  1. Non funziona perchè un fumatore accanito potrebbe facilmente raggirare questa legge…semplicemente basterebbe far acquistare la card ad un amico o un parente non fumatore e mandarlo a comprare le sigarette. Comunque il problema delle sigarette non sussiste, il vero problema dell’Italia è la DROGA(leggera o pesante che sia) che soprattutto negli ultimi tempi sta causando centinaia di morti sulle strade ammazzando anche bambini che non c’entrano niente(vedi il caso di Lecce) e sfasciando intere famiglie!

  2. C’è pure il problema del contrabbando che con la tua proposta di legge potrebbe risultare favorito… Io credo che per fare la lotta al fumo, un intervento dello stato sarebbe del tutto inutile e improduttivo.
    Quel che basta è la volontà dei singoli fumatori, ai quali (per fortuna) è concesso il libero arbitrio e sono liberi di scegliere di non accendere la prossima sigaretta!

I commenti sono chiusi.